Come pulire le vongole ed eliminare la sabbia

Spaghetti alle vongole o zuppa di vongole? Qualunque sia il vostro piatto preferito tra i due, sappiate che le vongole rappresentano uno dei frutti di mare più amati ed apprezzati in assoluto. Appartenenti alla famiglia dei molluschi bivalve, sono diverse le varietà di vongole esistenti che popolano i nostri mari, basti pensare ai lupini o alle vongole veraci. Ognuna di esse si caratterizza per il sapore più o meno delicato e per la tenerezza delle carni, oltre che per il differente aspetto esteriore. Regine della cucina mediterranea, le vongole sono piuttosto semplici da cucinare, vi basterà eliminare al principio il nemico numero uno di un piatto ben riuscito: la sabbia! Ecco quindi alcuni consigli su come pulire le vongole ed eliminare la sabbia.

zuppa-di-vongole

Come pulire le vongole fresche

Come procedere dunque per la pulizia delle vongole? Scartate i molluschi con la conchiglia rotta o aperta, sono ormai morti. Le vongole, infatti, vengono vendute vive e tenute all’interno di una retina, sulla quale sono apposti i dati utili alla tracciabilità del pesce (bollo sanitario CEE) e, solo con il fuoco, apriranno i loro gusci. Prendete un tagliere e controllate le vongole una per una: tenendo il guscio con l’apertura rivolta verso il basso, battete energicamente la vongola sul tagliere e, se rilascia della sabbia, eliminatela. Procedete così per tutti i molluschi.

Come spurgare le vongole ed eliminare la sabbia

All’interno di una ciotola capiente, sciogliete una manciata di sale con abbondante acqua fredda, così ricreerete l’habitat naturale dei molluschi. Mettere le vongole all’interno di uno scolapasta ed immergete lo stesso nella ciotola. Le vongole dovranno essere coperte a filo dall’acqua. Questo passaggio fondamentale permetterà alle vongole di rilasciare impurità e sabbia sul fondo del contenitore. Lasciate in ammollo i molluschi per almeno 4 ore ed ogni mezz’ora procedete al ricambio dell’acqua e sale, fino a quando non troverete più sabbia sul fondo. Non occorre far spurgare le vongole tutta la notte per eliminare la sabbia ma organizzatevi in tempo per la fase dell’ammollo, ci vorranno diverse ore.

Come aprire le vongole

Una volta pulite, ecco che le vongole sono pronte per la cottura! Ci vorranno pochi minuti ed una fiamma media ed abbastanza dolce per far aprire i gusci, le vongole non vanno cotte a lungo, il rischio è che la carne diventi dura e stopposa. Ponete le vongole in un tegame in cui avrete fatto rosolare uno spicchio di aglio, olio evo e, se vi piace, il peperoncino. Aggiungete i molluschi e chiudete con un coperchio, il valore all’interno del tegame schiuderà dolcemente le vongole in pochissimo tempo. Mescolate man mano che si aprono. Buttate le vongole non ancora aperte e filtrate il fondo di cottura per arricchire la vostra ricetta.

Come cucinare le vongole

spaghetti-alle-vongole

Potete portare in tavola uno dei piatti di pesce più apprezzati, gli spaghetti alle vongole! In questo caso, dopo aver pulito e spurgato le vongole, cucinatele come descritto sopra: vi basterà infine cuocere al dente la pasta (potete utilizzare anche le linguine) e mantecarla nel tegame in cui avrete cucinato le vongole. Una spolverata di prezzemolo ed il piatto è pronto. Preferite un antipasto come un sautè o una zuppa di vongole? Niente paura, iniziate dal tostare delle fette di pane casareccio per fare i crostini e preparate il fondo di cottura: al consueto soffritto aggiungete i pomodori tagliati a metà e privati dei semi, unite i molluschi e sfumate con il vino bianco, procedete come sopra. Traferite le vongole all’interno di una ciotola e servite la zuppa calda con i crostini di pane e un pizzico di pepe nero.

Come conservare le vongole fresche per il giorno dopo

E’ possibile conservare le vongole appena acquistare per un giorno al massimo in frigorifero: avvolgete la retina di vongole in un canovaccio bagnato e strizzato cercando di tenerla ben stretta e mettetela in un contenitore non troppo grande. Le vongole dovranno avere poco infatti poco spazio tra loro ed essere vicine l’una all’altra. Conservatele nella parte bassa del frigorifero ed il giorno dopo procedete alla pulizia.

Quale migliore ingrediente per completare il piatto se non l’olio evo ligure? Lo trovi nella valigia Da Nord a Food

owner
Author: owner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su